scontispaziali4
scontispaziali3

cropped-cropped-logo-partito-sito

facebook

PER ULTERIORI INFORMAZIONI CONTATTACI:

info@nuovaumbria.it

 

Giornale del Partito Comunista Italiano dell'Umbria e dell'Associazione 21 Gennaio

.


facebook

Le ultime dal Blog

 @ All Right Reserved 2021

L'Avvocato Sbaraglini Compagno di Gramsci al Confino

22/04/2021 18:37

Fabio Sebastiani

100 anni del PCI,

L'Avvocato Sbaraglini Compagno di Gramsci al Confino

In questo giornale siamo limpidamente antifascisti, lo sono io lo sono tutti, non possiamo quindi non celebrare l'avv. Giuseppe Sbaraglini Umbro, di Perugia

In questo giornale siamo limpidamente antifascisti, lo sono io lo sono tutti, non possiamo quindi non celebrare l'avv. Giuseppe Sbaraglini Umbro, di Perugia, compagno di casa di Gramsci nel suo confino e suo collega nella scuola, che i confinati politici di Gramsci organizzarono a Ustica. C' erano tanta politica comunista e socialista al confino. Ciò che il 1921 aveva diviso, il regime fascista aveva malamente riunito,

Giuseppe Sbaraglini, ottimo avvocato e politico socialista divenne deputato nel 1919 e alternò la professione di avvocato sempre a difesa degli ultimi, con la denuncia dei fascisti e delle loro scorrerie. Fu più volte minacciato dalle milizie fasciste e il suo studio di avvocato venne distrutto da i fascisti, prima di essere arrestato e condotto al confino ad Ustica, in forza delle leggi criminali fasciste che sciolsero PCI e psi come la ex legge del 6 novembre 1926 n1848, che prevedeva il confino di polizia come punizione dei soggetti pericolosi per la sicurezza pubblica o per l'ordine nazionale.

Un esempio nemmeno il peggiore di quanto fecero i fascisti di allora per allontanare dalla politica persone preparate e antifascistissime.

Il compagno Giuseppe da bravo avvocato si difese nelle farlocche aule di tribunale fasciste e riuscì addirittura a sconfiggere le dabbeniste leggi fasciste e lo dovettero rilasciare prima di fine pena. Uscito dal confino rientrò ad Assisi, sempre seguendo da vicino le vicende del partito socialista, venne chiamato per far parte del governo nel 1945 da Ferruccio Parri ma stanco e malato declinò l'invito. Nel 1946 venne eletto sindaco di Assisi e morì un anno dopo. Un Umbro illustrissimo che crebbe tra giganti del comunismo e del socialismo, come Gramsci Bordiga e Parri, ricordarlo per la sua preparazione e per il suo esempio non può che farci migliori antifascisti oggi.

 

 

dose-juice-stpy-oea3h0-unsplash.jpeg

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità e gli ultimi articoli del Blog